Rotta su Budapest

Dal 28 aprile al 4 maggio 2018
Mezzo: Mc Louis Glemis 26G – Ducato 2300 130cv
Km percorsi: 2316 in 28 ore di guida in 6 giorni di viaggio
Spesa carburante:  403 €
Consumo medio: 8.0 km/lt
Nazioni attraversate: Italia, Slovenia, Ungheria
Itinerario: Torino, Trieste, Budapest, Chioggia, Torino

La meta di questo nuovo viaggio è Budapest, la capitale dell’Ungheria, la partenza, come sempre, da Torino il 28 aprile alle 7.30, già sappiamo che ci fermeremo una notte a Trieste per non fare i 1100 km di viaggio tutti insieme, approfittandone così per fare due passi per il suo centro storico. Arriviamo alle 15 a Trieste bagnati da una pioggia insistente e che non sembra avere intenzioni di smettere, ci fermiamo in un parcheggio a pagamento sulla banchina in riva al mare a pochi passi dal centro storico, una posizione perfetta con vista mare e alle seguenti coordinate:
45.646532, 13.756089

Purtroppo riusciamo ad uscire dal camper solo alle 18, quando smette di piovere, facciamo quindi un giro per il centro storico.
Trieste è una meravigliosa ed elegante città di confine, è un mix di culture, di stili, di sapori. Tutto parte dalla piazza principale Piazza dell’Unità d’Italia, chiusa su tre lati da eleganti palazzi, tra i quali il Municipio di Trieste, il Palazzo della Giunta Regionale del Friuli Venezia Giulia e la Prefettura, ed il quarto lato si affaccia meravigliosamente sul mare.
Ci muoviamo a spasso per le vie del centro fino alle 19.30, quando purtroppo si rimette nuovamente a piovere, ritorniamo in camper abbastanza in fretta e non riusciamo più ad uscire, pioverà ininterrottamente fino alla mattina successiva quando ci rimetteremo in viaggio. Sicuramente a Trieste ci ripasseremo magari con un tempo migliore.
Alle 6.30 del giorno dopo, quindi, ci rimettiamo in viaggio verso Budapest, ci aspettano 550 km, prima di entrare in Slovenia ci fermiamo all’ultima stazione di servizio italiana per acquistare la “vignetta” slovena necessaria per percorrere le autostrade slovene, prendiamo quella da 7 giorni al costo di 15€, quella ungherese invece l’avevo acquistata online al costo di circa 20€ per 10 giorni. Arriviamo a Budapest intorno alle 14, raggiungiamo subito il capeggio che abbiamo individuato nella programmazione del viaggio Haller camping (vedi mappa). Il campeggio è molto spartano, i servizi, almeno quelli degli uomini, sono molto “minimi”, le 3 docce presenti sono piccole e con la tenda

Abbiamo voluto scegliere questo campeggio piuttosto che un altro, anche se le recensioni non erano bellissime, solo perchè era più vicino al centro e prevedendo che ci saremmo mossi in bici invece che in metò, questo sarebbe stato più comodo. Come prezzo non è affatto economico rispetto a quello che offre, ma per una permanenza di 4 notti, la quarta notte è gratis e in questo caso diventa un po più conveniente.

Budapest, nota anche come “la Parigi dell’Est” è considerata la perla del Danubio, la moneta non è l’euro ma il fiorino ungherese.
A Budapest, il Ponte delle Catene ed altri splendidi ponti collegano la zona collinare di Buda a quella pianeggiante di Pest, Sulla sponda occidentale del fiume troviamo l’antica Obuda, primo insediamento romano, e Buda con la sua collina, su cui si erge il quartiere medievale con il Palazzo Reale e la bella Chiesa di Mattia in stile gotico. Sul versante orientale c’è Pest, città moderna e vitale, ricca di negozi, hotel, ristoranti e locali notturni. Immancabile una passeggiata in Viale Andrassy, fino al Teatro Nazionale dell’Opera e alla magnifica Piazza degli Eroi. Da vedere anche il maestoso Parlamento, la Basilica di Santo Stefano e l’Isola Margherita. Rilassatevi, infine, in uno dei tanti antichi bagni termali di questa città ricca di sorgenti naturali, molte delle quali all’aperto. Budapest è una città a misura di bici, la si gira molto bene in bici, almeno per quanto riguarda la zona centrale, quasi tutte le strade hanno una corsia riservata alle bici o una pista ciclabile.

Il venerdì 3 maggio si riparte, purtroppo per rientrare a casa, accendiamo il motore alle 8 di mattina e lo spegniamo alle 19 fermandoci a Chioggia, località mai vista e quindi ne approfittiamo per visitarla, la sosta la facciamo all’area di sosta “2 palme” (vedi mappa) area abbastanza capiente, vicino alle spiagge e ad una mezz’ora a piedi dal centro di Chioggia. L’area di sosta è dotata di un blocco servizi dove le docce sono a gettoni, l’area di carico e scarico e facilmente accessibile abbiamo pagato, in questo periodo, 17 euro per 24 ore

Chioggia l’abbiamo trovata inaspettatamente bella, chiamata la “Piccola Venezia”, si trova su di una piccola area peninsulare adriatica fra la Laguna Veneta e il Delta del Po, è una popolosa e vivace città marinara. Con i suoi palazzi in stile veneziano che si affacciano sui canali, le caratteristiche imbarcazioni chioggiotte denominate “Bragozzi” con le loro vele variopinte, la pescheria, il Corso del Popolo, Chiese, Musei e Monumenti, Piazza Vigo con il suo bellissimo ponte sembra di tornare indietro nei secoli, al tempo dei dogi e della Serenissima.

Guarda il video del viaggio


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER !!!
Per essere informati sulle pubblicazioni di nuovi articoli, iscrivetevi alla newsletter, inserite il vostro indirizzo mail nell’apposita casella in fondo alla home page. 


About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *